Archivio mensile:luglio 2018

Transverter 76GHz non sincronizzati

Consideriamo due trasnverter 144MHz -> 76GHz. I due sono caratterizzati da un oscillatore locale PLL con riferimento interno 10MHz. L’oscillatore locale genera una frequenza di 12648MHz che viene poi moltiplicata per 6 in modo da avere in uscita un segnale a 75888MHz. A questo viene “sommato” il segnale a 144MHz in modo da ottenere l’uscita a 76032MHz e 75744MHz.

Il transverter 1 è usato in trasmissione e il suo OSC1 genera una frequenza di 12648.005MHz. Il transverter 2 è usato in ricezione ed il suo OSC2 genera una frequenza di 12648.001MHz. In trasmissione abbiamo:
F1=75888,03MHz quindi 76032.03MHz e 75744,03MHz
In ricezione il segnale viene miscelato con 75888.006MHz del secondo oscillatore:
76032,03-75888,006=144.024MHz
75744.03-75888.006=143.976MHz

La situazione è questa: abbiamo una IF, otteniamo 2 setnali a 76GHz e, quando li riconvertiamo in IF, abbiamo due segnali a 144MHz. Questi segnali originano dal fatto che i due PLL non sono sincronizzati e non hanno un riferimento in comune. Pertanto i circuiti PLL cercano di stabilizzare la frequenza di uscita ma non fanno certo miracoli. Osservando le fasi di startup dei transverter è possibile trovare il momento in cui le due IF si incrociano e si scambiano.

Un fenomeno carino, interessante e piacevole da visualizzare con un SDR. Che è spiegabile con 4 operazioni matematiche basilari.

Fornendo ai due transverter un riferimento unico per il PLL (segnale a 10MHz) questo fenomeno non si osserva e si ha una sola componente. Fantastico!

RSS
Facebook
Google+
http://www.iz6cus.it/blog/2018/07">
Twitter
LinkedIn

Please follow and like us:

Irrigazione a “goccia”

Stanco di vedere soccombere le piante in terrazzo ai rigori dell’estate, ed ancora più stanco di passare 20 minuti ogni sera ad annaffiare il giardino mi sono deciso: impianto di irrigazione automatica!

Si parte con il terrazzo, obbiettivo è quello di fornire acqua a 9 fioriere in plastica nelle quali sono adagiate 18 piante. Piccola consultazione del sito Claber, poi un viaggio da Maxi Garden ed una chiacchierata con il personale (competente, gentile, disponibile) e torno a casa con il primo kit:

Circa 3 ore di lavoro per forare il mobile del terrazzo, fissare il tubo al muro, realizzare gli attacchi dei tubetti capillari e montare i gocciolatori. Almeno un’altra ora è servita per ottimizzare l’impianto e tarare tutto il sistema. Ho previsto due cose utili:

  • un rubinetto di svuotamento in corrispondenza della piletta di scarico del terrazzo –
    Claber 91280;
  • un rubinetto sezionatore tra la parte soleggiata del terrazzo e quella in ombra –
    Claber 91280;

vista del tubo collettore da 16mm

particolare del gocciolatore

gocciolatore

scarico dell’impianto

sezionatore

In giardino ho una aiuola  a forma di U rovesciata, discretamente estesa. Non potendo contare sulla sola micro irrigazione (la siepe chiede parecchia acqua), ho realizzato un sistema misto. Il lavoro ha richiesto circa 4 ore.

centralina e sdoppiatore

tubo gocciolante

micro irrigatore

gocciolatori

il sistema in azione

Sarà che quest’anno sembra di avere i monsoni, ma le piante sono davvero in splendida forma!

RSS
Facebook
Google+
http://www.iz6cus.it/blog/2018/07">
Twitter
LinkedIn

Please follow and like us:

Impazzire con la mail

Ho diversi sistemi linux-based sparsi in giro per la provincia. In tutti ho uniformato la configurazione del sistema di gestione della posta elettronica, impostando un funzionamento come “satellite” ed usando gmail per il lavoro “sporco”.

Uno dei miei sistemi, con sistema operativo Debian 9.4 si è sempre rifiutato di inviare la mail a “se stesso”. L’errore che ho sempre ottenuto è:

DNS Error: 21091730 DNS type ‘mx’ lookup of linuxade responded with code NXDOMAIN Domain name not found: linuxade

Ho controllato l’output del comando:
root@linuxade:/etc# exim4 -bP primary_hostname
primary_hostname = localhost

Ho provato un sacco di strade diverse. L’unica azione che ha risolto il problema è stata la riconfigurazione di /etc/hosts nella sezione ipv6 passando dalla prima alla seconda versione. La prima scrittura penso sia stata una configurazione temporanea per fare qualche prova.

# The following lines are desirable for IPv6 capable hosts
::1  localhost ip6-localhost ip6-loopback linuxade

# The following lines are desirable for IPv6 capable hosts
::1 ip6-localhost ip6-loopback

Cambiato il contenuto del file, riavviato exim4, adesso il comando viene eseguito correttamente:
root@linuxade:/etc# exim4 -bP primary_hostname
primary_hostname = linuxade

Finalmente mi arrivano le email con gli errori dovuti all’esecuzione degli script!

Please follow and like us: