Archivi tag: airspy

Noise e Cavità

Per attivare una stazione di ascolto presso la Torre della Facoltà di Ingegneria dell’Università Politecnica delle Marche, ho dovuto rimettere le mani su dei vecchi filtri in cavità che erano stato acquistati per il progetto iRGP negli anni 90. Ricordo che, all’epoca li avevamo tarati utilizzando un bell’analizzatore di spettro con tracking generator.

Dovendo ritarare il sistema per adattarlo alle nuove condizioni operative (WebSDR, ne riparleremo) ho deciso di procedere in un altro modo, soprattutto per evitare di scarrozzare l’analizzatore di spettro in giro per la Facoltà. Mi sono servito di un noise generator e di un ricevitore SDR.

Il noise generator è un prodotto molto semplice ed economico, acquistato per pochi dollari su ebay. Lo avevo acquistato alcuni anni addietro per fare delle prove di larghezza di banda su una IF.

Il ricevitore SDR è il famoso AIRSPY MINI, corredato da una versione aggiornata di SDR# e dall’utilissimo SpectrumSpy. Questo programma trasforma il ricevitore SDR in un analizzatore di spettro a larga banda e consente di fare delle misure piuttosto interessanti, anche se piuttosto limitate in dinamica ed in tempo di risposta.

Nelle due immagini che seguono, la risposta in frequenza del filtro in cavità prima della taratura e dopo la taratura.

Scegliendo in modo opportuno lo “span” dell’analizzatore è possibile ottenere una risposta del sistema molto rapida, che consente di apprezzare facilmente le minime variazioni di taratura.

AirSpy

Finalmente è arrivata!!!
(questo articolo è in attesa di essere pubblicato dal 3 ottobre 2016)

Packaging minimale, ottima imbottitura, grande protezione  e dentro la chiavetta! Completamente in alluminio, con un bel connettore SMA femmina installato. Il tempo di collegarla al PC e già funziona. Non richiede driver o procedure perverse di installazione. Davvero un dispositivo Plug ‘n Play.

img_20161003_122946

Ho scaricato l’ultima versione di SDR# ed ho avviato la ricezione: eccellente! Il front-end è meno predisposto alla intermodulazione, lo spettro visualizzato è pulito ed i segnali si vedono decisamente peggio.

Forse lascia sul terreno qualche cosa in termini di guadagno: le conversazioni su satelliti MIL a 256 MHz non riesco a riceverle, ma sono piccoli dettagli.

La possibilità di visualizzare una porzione molto ampia di spettro è fantastica ed apre la scena a numerose applicazioni, anche in ambito didattico. Ecco qualche screenshot di SDR# della simpatica applicazione “analizzatore di spettro” che vedo molto bene in congiunzione con il generatore di rumore ad ampio spettro per fare qualche prova sui filtri in cavità. Antenna televisiva, in paese. La prima con 100MHz di span e la seconda in full Bandwidth.

Costa… vero… ma ne vale davvero la pena!!!